Le clausole vessatorie che non ti aspetti negli incarichi di vendita

Clausole vessatorie

Oggi parliamo di clausole vessatorie nel conferimento d’incarico, ovvero, parliamo di un incarico in esclusiva.

Affronteremo temi, quali provvigioni, penali, esclusiva e non esclusiva clausola vessatoria.

Partiamo dal presupposto di individuare che cosa è una clausola vessatoria.

Clausole vessatorie

Il codice del consumo distingue due parti: il consumatore ovvero cittadino privato che usufruisce di un servizio e il professionista che è colui che sta agendo con fare relativo alla propria attività imprenditoriale/professionale.

Ne deriva che quando noi agenti immobiliari andiamo a parlare con un cliente (che in questo caso è consumatore) stiamo parlando da professionisti visti dal punto di vista del codice del consumo.

La clausola vessatoria è prevista  dal codice del consumo e ‘nel contatto concluso tra consumatore e professionista  si considerano vessatorie le clausole che malgrado la buona fede determinano a carico del consumatore un significativo squilibrio dei diritti e degli obblighi derivanti dal contratto‘.

Ciò significa che tutto quello che è percepibile come uno squilibrio di diritti ed obblighi del consumatore nei confronti del professionista è vessatorio se non è oggetto di trattativa e quindi chiaramente specificato.

Quindi, una clausola si definisce vessatoria quando è pari o superiore al compenso a provvigione.

La legge specifica che le clausole non sono vessatorie se sono oggetto di trattativa individuale . È dunque logico che tutti i prestampati che moltissime agenzie immobiliari utilizzano non siano visti di buon occhio dai giudici.

Il prestampato è un documento che viene generalmente firmato senza neppure essere letto e inoltre non è neppure detto che tutto ciò che vi sia indicato all’interno sia oggetto di trattativa.

Qui ribadisco il concetto fondamentale dell’importanza del verificare cosa sia oggetto di trattativa.

L’esclusiva è un oggetto sempre di trattativa: ecco perché solitamente gli incarichi prevedono che ci sia scritto esclusiva o non esclusiva, dando modo all’utente di poter fare la sua scelta in modo consapevole perché naturalmente stiamo scegliendo di lavorare in un determinato modo e il consumatore deve saperlo.

Post your Comments

NAME *
EMAIL *
Website